I Sentieri dello Yoga

Raja Yoga

Siddhārtha Gautama  - Buddha Dal sanscrito Raja – re e Yoga unione letteralmente la via regale è uno dei quattro sentieri di base per raggiungere la salvezza insieme a Bhakti yoga, Jñâna yoga, e karma yoga. Il Raja Yoga è il “percorso regale” che porta all'Unione con Dio tramite la padronanza di sé ed il controllo della mente. Questo tipo di yoga insegna la padronanza dei sensi e delle vritti (fluttuazioni, onde di pensieri che costituiscono l'attività della mente) e, inoltre, come sviluppare la concentrazione Dharana e comunicare con Dio; in particolare, il Raja Yoga attribuisce grande importanza alla concentrazione. Esso propone il metodo della meditazione e dell'introspezione come mezzo supremo per realizzare Dio, ed include vari elementi di altre forme di yoga.

Jnana Yoga

Lo jñâna-yoga, come le altre vie: raja-yoga, Bhakti-yoga e Karma–yoga, ha come unica meta l'unione dell'anima individuale con quella universale.

Lo jñâna-yoga realizza la liberazione dal ciclo delle rinascite tramite la Conoscenza Metafisica. E' un cammino estremamente duro, fra i quattro percorsi dello yoga, è sicuramente il più complesso, consigliato dai guru di tutti i tempi soltanto ai discepoli particolarmente intellettuali, portati per lo studio e la speculazione filosofica.

EqilibrioKarma Yoga

Il Karma Yoga
«Per colui che ama veramente l'anima, che è soddisfatto pienamente dall'anima e trova appagamento solo nell'anima, non esiste dovere. Costui non ha scopi di guadagno nel mondo facendo un'azione né perde qualcosa non compiendo azioni. Egli non dipende da alcuno per nessuna cosa. Compi dunque sempre le buone azioni materiali (karyam) e le azioni spirituali (karman) senza attaccamento. Facendo tutte le azioni senza attaccamento, si ottiene il Supremo». (B.G. III,17-19).
E' questa l'essenza dello Yoga dell'Azione o Karma Yoga (dalla radice sanscrita «kr» che significa «agire», «compiere»). Si tratta del sentiero che utilizza «l'agire» come strumento per raggiungere l'obiettivo finale dell'auto-realizzazione.

Bhakti yoga

GaneshaLa via dell'unione con Dio attraverso un intenso amore e profonda devozione. Questo yoga (la cui essenza potrebbe riassumersi nell'espressione Amare per l'amore dell'amore) tra tutti è il più semplice e diretto, e si rivolge alla maggioranza degli esseri umani proprio per la sua facilità di messa in pratica, dato che non richiede spiccate capacità intellettive o abilità particolari. L’Oneness Bhakti Yoga non è altro che intenso amore per Dio: Qui si parla di un amore trascendentale, l'amore devozionale deve essere sviluppato progressivamente. Il Bhakti Yoga afferma che Dio si rivela in maniere differenti a coloro che Lo amano, assumendo la medesima forma che il devoto ha scelto di venerare. Le caratteristiche ideali che portano contraddistinguono il Bhaktha sono: la benevolenza, la compassione, la pazienza, la contentezza, il controllo di sé e la purezza e l'equanimità. Nei sacri testi il Bhakti Yoga è la via maestra che conduce l'uomo al Signore. Non alla figura impersonale e astratta che sarebbe difficilmente afferrabile dalla mente umana, ma al maestro e all'amico dell'anima. L'esortazione finale è di rivolgersi costantemente a lui, con amore e devozione; così facendo ogni uomo sarà liberato da qualsiasi vincolo e legame e potrà dimorare costantemente nell'Assoluto

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Clicca Qui! per Approfondire... . Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.