Le Basi dello Yoga Integrale

L'ordinaria mente umana ha un'attività di superficie che vela il Sé reale. Ma c'è un'altra coscienza, una segreta coscienza interiore dietro quella di superficie, in cui possiamo divenir consapevoli del Sé reale e di una verità della natura più ampia e più profonda, possiamo realizzare il Sé e liberare e trasformare la natura.Posizione Yoga - Padmasana Acquietare la mente di superficie e cominciare a vivere all'interno è lo scopo di questa concentrazione. Di questa vera coscienza, diversa da quella superficiale, ci sono due centri principali: uno nel cuore (non il cuore fisico, ma il centro cardiaco nel mezzo del petto), uno nella testa. La concentrazione nel cuore apre all'interno, e seguendo questa apertura interiore e andando in profondità si diviene consapevoli dell'anima o essere psichico, l'elemento divino nell'individuo. Questo essere svelato comincia a venire in primo piano, a governare la natura e dirigere questa e tutti i suoi movimenti verso la Verità, verso il Divino, a chiamare in essa tutto ciò che è sopra. Porta la coscienza della Presenza, e sollecita la discesa nella nostra natura di una Forza e una Coscienza più grandi, in attesa sopra di noi. Concentrarsi nel centro del cuore offrendo se stessi alla Presenza Divina e aspirando a questa apertura interiore è il primo metodo e, se si riesce a praticarlo, l'inizio naturale; poiché il suo risultato, una volta ottenuto, rende la strada spirituale assai più agevole e sicura che se si inizia nell'altro modo. Posizione Yoga - Utthita ParsvakonasanaL'altro metodo è la concentrazione nella testa, nel centro mentale. Questo, se porta al silenzio della mente di superficie, apre in alto una mente interiore, più vasta, più profonda, più capace di ricevere l'esperienza e la conoscenza spirituali. Ma una volta che ci si è concentrati: qui, occorre aprire la silenziosa coscienza mentale verso l'alto, a tutto ciò che è sopra la mente. Dopo un certo tempo si sente la coscienza sollevarsi, finché si solleva oltre la calotta che l'ha così a lungo imprigionata nel corpo, e trova sopra la testa un centro da dove si libera verso l'Infinito. Lì, comincia a venire in contatto col Sé universale, con la Pace, la Luce, il Potere, la Conoscenza, la Felicità, a entrare in questo ed a divenire questo, a sentire la discesa di queste cose nella natura. Concentrarsi nella testa con l'aspirazione alla calma nella mente e alla realizzazione del Sé e del Divino al di sopra è il secondo metodo di concentrazione.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Clicca Qui! per Approfondire... . Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.